page contents

Benessere Emotivo

D: Come fare a raggiungere il benessere emotivo lavorando su noi stessi in modo consapevole?

Benessere emotivo e benessere fisico

A. Mazzoldi - Consolazione - Benessere Emotivo attraverso la nostra parte consapevole (partic)
A. Mazzoldi – Consolazione – Benessere Emotivo (partic)

Il corpo umano si sposta di continuo nell’ambiente alla ricerca della posizione più comoda e del maggior benessere possibile.

E’ qualcosa di non consapevole, di istintivo che ci fa scegliere la meta della nostra gita o la posizione del tavolo al ristorante o ancora come appoggiare il piede a terra per rimanere in equilibrio o per trovare la posizione meno dolorosa se ci sono callosità.
Se si ascoltasse di più, poiché esso “sa” che cosa è bene per noi in quel dato momento, si potrebbe vivere senz’altro meglio e più in salute.
Ma questo succede raramente e, fin da piccoli, si è imparato a sottomettere la parte istintiva e saggia alla parte razionale che erroneamente consideriamo consapevole. Essa in genere non accetta di buon grado di essere limitata nemmeno dalle necessità fisiologiche ed emotive.

Il controllo sul corpo tende a prevalere sulle sue reali esigenze e necessità e non è sempre facile trovare un equilibrio, che permetta di fermarsi prima di quando “non se ne può più” e di rinunciare a spingersi fino all’eccesso, evitando così di arrivare fino all’inestetismo o, peggio ancora, alla malattia.
Ma perché succede?

Il corpo fisico e l’emotività sono strettamente connessi

Il primo, più pesante e denso, è modificato e quasi “scolpito” dalla seconda, che è composto di energia più sottile.
Basta osservare un bimbo piccolo, nel quale il divenire emotivo si sviluppa veloce e libero, per notare l’elasticità e la morbidezza dei suoi tessuti e poi guardare al vecchio che, pur subendo l’usura del tempo, troppo spesso soffre di acciacchi che non derivano da essa.

Le emozioni (e, soprattutto, i blocchi emotivi) possono trasformare il corpo fisico, in meglio o in peggio e, siccome esso è la macchina che si usa per vivere in questo livello, meglio funziona e meglio si vive.
Anche con le emozioni cerchiamo, senza rendercene conto, l’ambiente che più ci piace o che più ci rassicura e tentiamo di mantenerlo il più a lungo possibile, anche a discapito del nostro benessere interore.

Malessere emotivo

Ci può capitare di vedere dalle persone che abbiamo voglia e piacere di incontrare in certi momenti. E’ la loro energia con la quale desideriamo entrare in contatto, mentre ne evitiamo altre.
Ma come si reagisce alle emozioni che abitano e si muovono all’interno di noi? Quelle che contribuiscono a creare il nostro malessere, o benessere?

Dalle persone o dagli ambienti che non piacciono ci si può allontanare, ma da se stessi no.
Ci si difende negando il malessere emotivo, distraendosi in ogni modo possibile, superficializzando. Ma l’energia emotiva ignorata si accumula e crea danni anche al corpo fisico. Noi lo usiamo spesso come se fosse una diga per contenerla.

Benessere psicofisico

Attraverso il corpo fisico si può risalire al disagio emotivo.
Esistono scuole che insegnano a “leggere” la postura e i segni sul corpo fisico come un libro aperto. La stessa medicina cinese si basa sull’inscindibile legame tra fisicità e stato emotivo.

Tuttavia, anche con esercizi fisici e manipolazioni particolari e cure mirate – vale a dire intervenendo sul corpo fisico – è possibile portare sollievo e ristabilire un certo equilibrio. Se però non si fa un lavoro consapevole sulle emozioni, che sono la causa prima di ogni malessere, il malessere tornerà a ripresentarsi.

Non è facile riuscire a gestire le proprie emozioni. Se sono libere, ci portano al benessere. Ma se le blocchiamo, esplodono come bombe. Si vive un po’ in uno sballottamento emotivo continuo, nel tentativo di evitare le emozioni fastidiose, come paura e insoddisfazione. Le si dirotta su altre più rassicuranti, ma che troppo spesso portano fuori dalla realtà emotiva nella quale viviamo.
Detto in parole povere, ci si comporta in modo poco consapevole, come un disperato alcolista che si racconta che, quando lui lo vuole, smette subito di bere.

Ma è la realtà emotiva che comanda e, ignorandola se ne pagano le conseguenze.
Si può perdere energia stancando il corpo, con lo sport o col lavoro frenetico (i bambini piangono prima di addormentarsi). Questo può servire a sfiatare il palloncino quel tanto da impedirgli di scoppiare. Si è però sempre a rischio perché, appena un incidente o altro ci costringe all’inattività, l’emozione torna a farsi sentire.
Ci sono alcool e droghe, ma il loro uso ci debilita.

Il lavoro interiore per star bene emotivamente

Quando B si è avvicinata alla ricerca interiore ha avuto questa reazione:
“Per quel poco che ho provato, a me sembra che quello che capisco di me stessa mi faccia stare peggio! Mi mostra aspetti di me che non mi piacciono! E quello che vorrei non lo posso comunque raggiungere!”
A quanti è capitato di pensare la stessa cosa? Quanti ricercatori introspettivi si sono ritrovati, prima o poi, nella “fase del tilt”?
A volte si rimane delusi di non poter caricare sugli altri i propri malesseri. Oppure perché non c’è ancora il farmaco che ci restituisca subito, e senza fatica da parte nostra, salute e vitalità.

Un giorno sentii mia madre borbottare: “Possibile che nel 2000 non abbiano ancora trovato niente per non far star male la gente?”
Si cerca disperatamente di affidare il nostro benessere all’intervento esterno miracoloso. Si reagisce col rifiuto e la negazione alla fastidiosa consapevolezza che anche noi c’entriamo in qualche modo nella costruzione della gabbia nella quale ci sentiamo rinchiusi.
Chi accetta di buon grado di ammettere che le situazioni nelle quali si trova sono provocate da un suo atteggiamento?
Che lui si trova esattamente dove ha deciso di essere?

Quando anni fa ho letto nel “Libro dell’Es” di Georg Goddreck che tutto quello che ci succede, dallo scivolone sul marciapiede alla rottura del nostro rapporto, dalla malattia alla perdita dell’anello di fidanzamento accade con la nostra silenziosa e sotterranea partecipazione e che qualcosa all’interno di noi lavora per far accadere le cose, sono rimasta incuriosita e infastidita nello stesso tempo.

E’ una responsabilità che non si vuole fronteggiare, ma per fortuna, in me, allora, ha prevalso la curiosità di saperne di più: “Possibile?”

Introspezione – Ricerca emotiva per vivere consapevolmente

Osservare dentro di sé in modo consapevole, portare in luce le proprie più recondite intenzioni, quelle che tracciano la direzione della nostra vita, che fanno “succedere” le cose, richiede appunto il desiderio di saperne di più e di esplorare le nostre zone d’ombra. Questo lavoro per il benessere emotivo servirà anche a migliorare la nostra salute e tutta la nostra vita.
In che modo?

E’ la differenza fra avanzare al buio, sbatacchiando di qua e di là, oppure con una pila accesa in mano. Una pila che proietta un raggio di luce sempre più ampio man mano che si procede.
A volte, come un bambino piccolo, si rifiuta la medicina perché è un po’ amara. O, magari, per fare preoccupare la mamma. Non si vuole stare a sentire che è quella che ci farà guarire.
E’ la mentalità di chi, per citare Lowen, vive sul principio del piacere e non su quello della realtà.

La salute è un diritto?

Certo che si vorrebbe star bene e far tacere subito ogni malessere, piccolo o grande che sia e senza dover soffrire. Si è convinti che la salute, come la vita, sia un diritto!
Si preferisce l’aspirina alla ricerca, ma se non si va alla radice del problema, esso si ripresenterà nella stessa forma o in modi diversi.

L’introspezione non è, di per sé, un procedimento faticoso. Lo diventa nella misura in cui non siamo disposti a rinunciare a nessuna delle nostre abitudini fisiche, di pensiero o di stato emotivo.
Non c’è bisogno di grandi sacrifici o di drastici cambiamenti per migliorare il nostro benessere. Occorre semplicemente accettare di dare un’occhiata a cosa sta bollendo in pentola, imparare a riconoscere le tensioni del nostro corpo, a considerarle come blocchi di energia. Occorre permettere all’energia di fluire invece di bloccarla.

Individuare le tensioni fisiche

Tutto qui?
Tutto qui. Ma non è così semplice come sembra. Non si è abituati a prestare attenzione alle tensioni fisiche finché non diventano antiestetici e fastidiosi irrigidimenti o spasmi.
Ma a che cosa ci serve bloccare l’energia e le emozioni?
A moltissime cose, ma soprattutto per ottenere quel potere che fa sentire importanti, più forti e, si pensa, più sicuri. Quel potere che permette di distinguersi o d’imporsi sugli altri, di avanzare sgomitando, di poter fare quello che si vuole e di pretendere che gli altri facciano quello che vogliamo noi.

Così, se si ha un bel carico di energia di rabbia, si può aggredire e spaventare. Se invece il carico è di tristezza, si può farsi commiserare e servire. Se si accumula energia di odio si può colpire, costringere e dominare ecc.
La lista è infinita e basta guardarci attorno per comprendere come funziona il meccanismo.
Ma come c’entra tutto questo con la salute?

L’energia che accumulo agisce prima di tutto su di me.
Il corpo fisico diventa come un campo di battaglia sul quale la guerra infuria sempre. Questo perché l’energia bloccata crea un circolo vizioso e inconsapevole di abitudini di pensiero e di comportamento, ferree quanto deleterie. E’ come la goccia fatta cadere sempre nello stesso posto. Si sa bene cosa riesce a fare.
Non esiste un’energia “buona” che, bloccata, non si deteriori e richieda di essere ascoltata e liberata.

Come può aiutarmi un’osservazione consapevole?

Osservando si porta l’ attenzione sul problema. Soltanto se è consapevole di cosa sta succedendo dentro di sé la persona sarà in grado di scegliere se continuare così o no.

Osservando permetto all’energia di “esprimersi” e fluire. Questo grazie alla mia attenzione che, esattamente come in un qualsiasi processo chimico, fa da catalizzatore e permette e facilita la trasformazione.
Osservare richiede accoglienza e non intervento. Richiede cioè una neutralità assoluta. Altrimenti si rischia di liberare l’energia da una gabbia per farla entrare in un’altra.

La nostra energia sa da sola quale strada prendere per arrivare al benessere emotivo. Così la zona corporea che la intrappolava viene liberata da quella tensione che la rendeva rigida, che le impediva di svolgere la sua funzione e la stava portando alla malattia.

Aurora Mazzoldi

Leggi la pagina che invita a Scoprire se stessi

Leggi di più sulle possibilità della Ricerca Introspettiva

Contenuti simili